sangue_purtroppo_giovani. Aldo Davanzali, anche se formalmente non per motivi direttamente correlati alla sciagura, perse la compagnia aerea Itavia, che cessò di volare e fu posta in amministrazione controllata nel 1980, con i conti in rosso, previa revoca della licenza di operatore aereo: un migliaio di dipendenti restarono senza lavoro. In ogni caso la presenza di altri aerei deducibile dai tracciati radar non raggiunge in alcuna analisi il valore di certezza e quindi di prova. Anche in occasione del trentunesimo anniversario della strage, il 27 giugno 2011, il presidente Napolitano ha lanciato un appello perché si compia ogni sforzo, anche internazionale, per dare risposte risolutive.[161]. I generali Lamberto Bartolucci e Franco Ferri furono invece ritenuti colpevoli ma, essendo ormai passati più di 15 anni, il reato era già caduto in prescrizione. Any cookies that may not be particularly necessary for the website to function and is used specifically to collect user personal data via analytics, ads, other embedded contents are termed as non-necessary cookies. Seguici su Facebook, basta un MI PIACE Dati CORONAVIRUS di oggi. [15], Le vittime del disastro furono ottantuno, di cui tredici bambini, ma furono ritrovate e recuperate solo trentanove salme. Dal punto di vista penale, altresì, i procedimenti per alto tradimento a carico di quattro esponenti dei vertici militari italiani si sono conclusi con l'assoluzione degli imputati. A ventotto anni dalla strage, la procura di Roma ha deciso di riaprire una nuova inchiesta a seguito delle dichiarazioni rilasciate nel febbraio 2007 da Francesco Cossiga. E così ne restano soffocati. Leggermente spostato sulla destra, diciamo 4 miglia e comunque il, IH870: «115 miglia per Papa-Alfa... per Papa-Romeo-Sierra, scusate. In zona era presente anche la portaerei francese Clemenceau per lo stesso motivo. Durante le indagini si appurò che il registro dell'IC, cioè del guida caccia Muti del sito radar di Marsala, aveva una pagina strappata nel giorno della perdita del DC-9[41]. 2917. Ustica, torna l'ipotesi del depistaggio che porta alla all'incidente di Ramstein. Mancano tuttora, del resto, elementi per individuare i responsabili. Dopo 272 udienze e dopo aver ascoltato migliaia tra testimoni, consulenti e periti, il 30 aprile 2004, la corte assolse dall'imputazione di alto tradimento - per aver gli imputati turbato (e non impedito) le funzioni di governo - i generali Corrado Melillo e Zeno Tascio "per non aver commesso il fatto". Il 25 novembre 1980, John Macidull, un esperto americano del National Transportation Safety Board, analizzò il tracciato radar dell'aeroporto di Fiumicino e si convinse che, al momento del disastro, accanto al DC-9 volava un altro aereo. Sentenza-ordinanza, Conclusioni sulle perizie, Capitolo I, pag. 81 lampade flebilmente pulsanti sospese sui resti dell'aereo (a metafora dei cuori delle vittime che battono ancora). Procedimento penale n. 527/84 a G. I., Volume 6, Capitolo XVII. Varie ipotesi sono state formulate nel corso degli anni riguardo alla natura, alla dinamica e alle cause dell'incidente: una delle più battute, e pertanto accettata con valenza in sede penale e risarcitoria, riguarda un coinvolgimento internazionale, in particolare francese, libico e statunitense, con il DC-9 che si sarebbe trovato sulla linea di fuoco di un combattimento aereo, venendo infine bersagliato per errore da un missile (sparato nello specifico da un caccia NATO contro un MiG dell'aviazione dello stato nordafricano)[6][7][8]. Mantenga 290 e richiamerà 13 Alfa.», IH870: «Sì, senta: neanche Ponza funziona?», IH870: «Abbiamo trovato un cimitero stasera venendo... da Firenze in poi praticamente non ne abbiamo trovata una funzionante.», Roma: «Eh sì, in effetti è un po' tutto fuori, compreso Ponza. 4944: «Esclusa – attraverso l'esame critico di cento e oltre documenti tecnici elaborati con intelligenza e vigore polemico da una schiera tra le migliori di specialisti nelle varie dottrine che son servite – con più che sufficiente certezza qualsiasi altra causa di caduta del velivolo – dall'improvviso cedimento strutturale all'altrettanto improvviso cedimento psichico dei piloti, dall'esplosione interna alla precipitazione di meteoriti o altre similari, parti di fantasie tanto fervide quanto inquinanti - resta il contesto esterno» e pag. Ordinanza-sentenza Priore, Sottotitolo 2, pag. Il 2 settembre 2014 sono stati rivelati gli appunti segreti, le informative e i carteggi segreti del Ministero degli Affari Esteri, contenuti nel Memorandum che ha per oggetto la strage di Ustica in relazione alle questioni informative aperte con gli Stati Uniti[162]. Il DC-9 è diretto a sud e vi è un vento a circa 200 km/h verso sud-est. sarebbe entrato in collisione (o in semicollisione) con un aereo militare; sarebbe precipitato a causa di un cedimento strutturale; sarebbe precipitato in seguito all'esplosione di una, Furono inoltre accertate in quel periodo penetrazioni dello spazio aereo italiano da parte di aerei militari libici. Aereo caduto nel '92, riaperta l'indagine uno dei due morti era testimone Ustica, "La morte di mio zio Roberto resta avvolta nel mistero", Ustica, altra morte sospetta suicida ex ufficiale medico, L'impegno di Andreotti: i colpevoli pagheranno, Ustica, è stato un missile, gli USA sicuri fin dal 1980, Ustica, polemica su De Carolis esperto USA, John Macidull, "Il giorno della strage di Ustica sparammo a due Mig libici", Strage Ustica, ex militare della Us Navy: "Quella sera abbattuti due Mig libici", Gli Usa volevano colpire me a bordo del DC-9 di Ustica, Ustica, la firma di Pertini era falsa: l’ufficiale pilota che cercava la verità sul Dc 9 venne radiato ingiustamente, I misteri di ustica - Dopo 33 anni Pinotti reintegra l'ufficiale cacciato con una firma falsa di Pertini. Pochissime erano le imprese specializzate che disponevano delle attrezzature e dell'esperienza necessarie: la scelta ricadde sulla ditta francese Ifremer (Institut français de recherche pour l'exploitation de la mer, Istituto di ricerca francese per lo sfruttamento del mare), che il giudice Rosario Priore avrebbe poi ritenuto collegata ai servizi segreti francesi[66]. L'occultamento[34][38] e la distruzione[39][40] di alcuni registri (Marsala[41], Licola[42] e Grosseto[43]) e di alcuni nastri radar (Marsala e Grosseto) che registrarono il tracciato del volo DC-9 IH870, a fronte delle prove prodotte da altri analoghi registri e nastri non occultabili e non distrutti (Fiumicino[44], Satellite russo[45]), vengono portati a sostegno di tale ipotesi[46]. Causa iscritta al n. 10354 del Ruolo Generale degli affari contenziosi civili dell'anno 2007 (recante riunita quella n. 12865/2007 RG). 81 specchi neri, posti accanto alla passerella ove transitano i visitatori (inclinati verso l’aereo, oltre che ricordare gli oblò del DC-9, riflettono il viso degli spettatori oscurandolo, ricordando la notte della tragedia). Venne coniato il termine muro di gomma, divenuto poi il termine utilizzato per descrivere il comportamento delle istituzioni nei confronti delle ricostruzioni che attribuivano la causa del disastro aereo di Ustica a un'azione militare. Poco prima Fortuna Piricò, vedova di una delle vittime della strage, aveva chiesto di «completare la verità giudiziaria che ha parlato di una guerra non dichiarata, di completarla definendo le responsabilità». Procedimento Penale Nr. Guida TV. Ordinanza-sentenza Priore, Capo 4, pag. La difesa riconobbe in seguito che la pagina del registro dell'IC, cioè del guida caccia Muti in servizio il 27 giugno, era stata effettivamente rimossa dal registro.[79]. Il Ministero dei trasporti due giorni dopo revocò all'Itavia le concessioni per l'esercizio dell'attività, su rinuncia della stessa compagnia aerea[53]. Risarcimento danni all'Itavia e ai suoi dipendenti. Nei casi che restano si dovrà approfondire [...] giacché appare sufficientemente certo che coloro che sono morti erano a conoscenza di qualcosa che non è stato mai ufficialmente rivelato e da questo peso sono rimasti schiacciati.». Gli Stati Uniti, interpellati dagli inquirenti, risposero che dopo tanti anni non era loro possibile risalire a date e matricole per stabilire se e quando il serbatoio fosse stato usato in servizio dall'Aviazione o dalla Marina degli Stati Uniti. Il 22 aprile 2020 la Corte d'Appello di Roma ha condannato il Ministero della Difesa e il Ministero dei Trasporti a risarcire alla Società di trasporto aereo Itavia 320 milioni di euro, per non aver garantito la sicurezza dei cieli. Altri procedimenti a carico di circa 80 militari del personale dell'Aeronautica si sono conclusi con condanne per vari reati, tra i quali falso e distruzione di documenti. Serie Tv Criminal Minds-Nel nome del sangue. La stessa sera del DC9, il 27 giugno 1980" (FOTO), Ustica, la verità è rimasta in fondo al mare, Ustica, perito inglese: depistaggio il missile Contesta le tesi degli altri esperti: c'è molta puzza di disinformazione "Un nesso con la strage di Bologna", Audio (registrazione di contatti radio e diverse telefonate importanti per le indagini), «*L’ultimo messaggio del pilota Domenico Gatti ai passeggeri *Penultimo contatto radio del Dc9 IH-870 con Ciampino (20.50) *Ultimo contatto radio del Dc9 IH-870 con Ciampino (20.56) *Ciampino parla con Marsala (22.16) *Soccorso Martina Franca parla con Soccorso Ciampino (ore 22.22) *Soccorso Martina Franca parla con il Cop-Stato Maggiore (22.25) *Comunicazioni SAR-Martina Franca (22.31) *Telefonata tra Ciampino e l’Ambasciata Americana di Roma (ore 22.39) *Marsala-Martina Franca (ore 23) *Licola-Martina Franca (ore 23.18)(ore 23.24)(ore 23.28) *Martina Franca-Jacotenente (ore 23.31) *Licola-Martina Franca (ore 23.32)(ore 23.35)(ore 23.44) *Licola-Marsala (ore 23.47) *Martina Franca-Licola (0re 24.22)». Le stazioni radar di Civilavia e di Centro bolognese si occupavano di registrare tutti i voli nazionali e internazionali civili, commerciali e militari, per poi procedere alla stampa e alla fatturazione dei costi di ogni passaggio aereo a ciascuna compagnia, società o autorità competente. Procedimento penale n. 527 84 a G. I., Capo 2, Cap. Collegamenti marittimi regolari oggi da e per Ustica. Tutte le volte che da parte di Comandi viene richiesta una informativa sugli avvistamenti, viene effettuata la seguente operazione consistente nella trasposizione su una cartina muta delle indicazioni sempre in gradi e distanze dell'avvistamento. Per undici anni i lavori si susseguirono, interessando i vari governi del tempo e le autorità militari. Affatigato era in quei mesi al servizio dell'intelligence francese e che, nel settembre dello stesso anno, rientrato in Italia, venne recluso nel carcere di Ferrara. La scomparsa del DA1. Ci dispiace, il tuo blog non consente di condividere articoli tramite e-mail. 1. L'aereo viene dato per disperso. A diversi decenni di distanza, vari aspetti dell'incidente non sono ancora chiariti in maniera compiuta, a partire dalla dinamica stessa.[5]. [172] Volendo fare una breve sintesi dell'enorme numero di perizie d'ufficio e consulenze di parte, oltre un centinaio al termine del 31 dicembre 1997, possiamo ricordare: L'8 maggio 2010, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione del Giorno della memoria dedicato alle vittime del terrorismo, ha chiesto la verità sulla strage di Ustica. perizie tecnico-scientifiche: necroscopiche, medico-legali, chimiche, foniche, acustiche, di trascrizione, grafiche, metallografico-frattografiche, esplosivistiche, che non sono mai state contestate da alcuna parte. - IV Divisione Esplosivi e Propellenti (Torri) del 5 ottobre 1982 (parte I, Libro I, Capo I, Titolo III, capitolo III della sentenza ordinanza del giudice istruttore), Strage di Ustica: l'ultimo volo del DC-9 Itavia precipitato nel mistero, Viewing cable 03ROME2887, USTICA CRASH BACK IN THE HEADLINES, Viewing cable 03ROME3199, USTICA CRASH BACK IN THE HEADLINES: REQUEST FOR, Ustica, Giovanardi sui giudici: Come aver condannato Tortora per droga, Giovanardi ne infila una dietro l'altra su Ustica, poi urla e lascia lo studio tv, Ustica, il giudice Priore indaga sul supersismi. Fox Crime Hd. Intorno a quella strage, Napolitano ha visto «anche forse intrighi internazionali, [...] opacità di comportamenti da parte di corpi dello Stato»[158][159]. Tra le testimonianze che datano la caduta del MiG al giorno stesso della strage di Ustica, il 27 giugno, si annovera quella dell'ex caporale Filippo Di Benedetto e alcuni suoi ex commilitoni[116]; la tesi è sostenuta dal maresciallo Giulio Linguanti e dal giudice istruttore Rosario Priore, che a sua volta trovò una serie di testimoni che riferirono di aver visto il 27 giugno 1980 due caccia che ne inseguivano un terzo, sparando con il cannoncino, lungo una rotta che da Ustica andava su Lamezia e fino a Castelsilano[120]. La causa dell'incidente viene individuata nella detonazione di una massa di esplosivo presente a bordo del velivolo[55], in ragione della rilevata presenza su alcuni reperti di tracce di T4, e dell'assenza di tracce di TNT[56]. Nel 1988, l'anno prima, durante la trasmissione Telefono giallo di Corrado Augias, con una telefonata anonima qualcuno aveva dichiarato di essere stato «un aviere in servizio a Marsala la sera dell'evento della sciagura del DC-9». I significati di tali codici, smentiti o sminuiti di importanza da esperti dell'aeronautica militare italiana ascoltati in qualità di testimoni, furono invece confermati in sede della Commissione ad hoc della NATO, da esperti dell'NPC (NATO Programming Centre)[110], i quali difatti hanno affermato nel loro rapporto del 10 marzo 1997: «Varie volte è stato dichiarato lo stato di emergenza confermata relativa alla traccia LL464/LG403 sulla base del codice SIF1 73, che all'epoca del disastro veniva usato come indicazione di emergenza. Poco tempo dopo, il 26 giugno 2010, in occasione del trentennale del disastro, il Presidente ha inviato un messaggio di cordoglio ai parenti delle vittime: «Il dolore ancora vivo per le vittime si unisce all'amara constatazione che le indagini svolte e i processi sin qui celebrati non hanno consentito di fare luce sulla dinamica del drammatico evento e di individuarne i responsabili... Occorre il contributo di tutte le istituzioni a un ulteriore sforzo per pervenire a una ricostruzione esauriente e veritiera di quanto accaduto, che rimuova le ambiguità e dipani le ombre e i dubbi accumulati in questi anni.»[160]. Rai Archivio Film, Nizza Città Vecchia Mappa, Studiare Architettura Online, Mercato Estivo 2020 Date, Sognare Una Cifra Di Denaro, Europei Under 21 Italia Rosa, Un Desiderio Irrealizzabile, Tracce Prova Scritta Concorso Collaboratore Amministrativo B3, Amministrazione Finanza E Marketing Programmi Ministeriali 2019/2020, Ave Maria Di Lourdes Testo, Film Azione Netflix, Rafting Italia Centrale, Il Gatto E La Volpe, Rosolini Menù, " /> sangue_purtroppo_giovani. Aldo Davanzali, anche se formalmente non per motivi direttamente correlati alla sciagura, perse la compagnia aerea Itavia, che cessò di volare e fu posta in amministrazione controllata nel 1980, con i conti in rosso, previa revoca della licenza di operatore aereo: un migliaio di dipendenti restarono senza lavoro. In ogni caso la presenza di altri aerei deducibile dai tracciati radar non raggiunge in alcuna analisi il valore di certezza e quindi di prova. Anche in occasione del trentunesimo anniversario della strage, il 27 giugno 2011, il presidente Napolitano ha lanciato un appello perché si compia ogni sforzo, anche internazionale, per dare risposte risolutive.[161]. I generali Lamberto Bartolucci e Franco Ferri furono invece ritenuti colpevoli ma, essendo ormai passati più di 15 anni, il reato era già caduto in prescrizione. Any cookies that may not be particularly necessary for the website to function and is used specifically to collect user personal data via analytics, ads, other embedded contents are termed as non-necessary cookies. Seguici su Facebook, basta un MI PIACE Dati CORONAVIRUS di oggi. [15], Le vittime del disastro furono ottantuno, di cui tredici bambini, ma furono ritrovate e recuperate solo trentanove salme. Dal punto di vista penale, altresì, i procedimenti per alto tradimento a carico di quattro esponenti dei vertici militari italiani si sono conclusi con l'assoluzione degli imputati. A ventotto anni dalla strage, la procura di Roma ha deciso di riaprire una nuova inchiesta a seguito delle dichiarazioni rilasciate nel febbraio 2007 da Francesco Cossiga. E così ne restano soffocati. Leggermente spostato sulla destra, diciamo 4 miglia e comunque il, IH870: «115 miglia per Papa-Alfa... per Papa-Romeo-Sierra, scusate. In zona era presente anche la portaerei francese Clemenceau per lo stesso motivo. Durante le indagini si appurò che il registro dell'IC, cioè del guida caccia Muti del sito radar di Marsala, aveva una pagina strappata nel giorno della perdita del DC-9[41]. 2917. Ustica, torna l'ipotesi del depistaggio che porta alla all'incidente di Ramstein. Mancano tuttora, del resto, elementi per individuare i responsabili. Dopo 272 udienze e dopo aver ascoltato migliaia tra testimoni, consulenti e periti, il 30 aprile 2004, la corte assolse dall'imputazione di alto tradimento - per aver gli imputati turbato (e non impedito) le funzioni di governo - i generali Corrado Melillo e Zeno Tascio "per non aver commesso il fatto". Il 25 novembre 1980, John Macidull, un esperto americano del National Transportation Safety Board, analizzò il tracciato radar dell'aeroporto di Fiumicino e si convinse che, al momento del disastro, accanto al DC-9 volava un altro aereo. Sentenza-ordinanza, Conclusioni sulle perizie, Capitolo I, pag. 81 lampade flebilmente pulsanti sospese sui resti dell'aereo (a metafora dei cuori delle vittime che battono ancora). Procedimento penale n. 527/84 a G. I., Volume 6, Capitolo XVII. Varie ipotesi sono state formulate nel corso degli anni riguardo alla natura, alla dinamica e alle cause dell'incidente: una delle più battute, e pertanto accettata con valenza in sede penale e risarcitoria, riguarda un coinvolgimento internazionale, in particolare francese, libico e statunitense, con il DC-9 che si sarebbe trovato sulla linea di fuoco di un combattimento aereo, venendo infine bersagliato per errore da un missile (sparato nello specifico da un caccia NATO contro un MiG dell'aviazione dello stato nordafricano)[6][7][8]. Mantenga 290 e richiamerà 13 Alfa.», IH870: «Sì, senta: neanche Ponza funziona?», IH870: «Abbiamo trovato un cimitero stasera venendo... da Firenze in poi praticamente non ne abbiamo trovata una funzionante.», Roma: «Eh sì, in effetti è un po' tutto fuori, compreso Ponza. 4944: «Esclusa – attraverso l'esame critico di cento e oltre documenti tecnici elaborati con intelligenza e vigore polemico da una schiera tra le migliori di specialisti nelle varie dottrine che son servite – con più che sufficiente certezza qualsiasi altra causa di caduta del velivolo – dall'improvviso cedimento strutturale all'altrettanto improvviso cedimento psichico dei piloti, dall'esplosione interna alla precipitazione di meteoriti o altre similari, parti di fantasie tanto fervide quanto inquinanti - resta il contesto esterno» e pag. Ordinanza-sentenza Priore, Sottotitolo 2, pag. Il 2 settembre 2014 sono stati rivelati gli appunti segreti, le informative e i carteggi segreti del Ministero degli Affari Esteri, contenuti nel Memorandum che ha per oggetto la strage di Ustica in relazione alle questioni informative aperte con gli Stati Uniti[162]. Il DC-9 è diretto a sud e vi è un vento a circa 200 km/h verso sud-est. sarebbe entrato in collisione (o in semicollisione) con un aereo militare; sarebbe precipitato a causa di un cedimento strutturale; sarebbe precipitato in seguito all'esplosione di una, Furono inoltre accertate in quel periodo penetrazioni dello spazio aereo italiano da parte di aerei militari libici. Aereo caduto nel '92, riaperta l'indagine uno dei due morti era testimone Ustica, "La morte di mio zio Roberto resta avvolta nel mistero", Ustica, altra morte sospetta suicida ex ufficiale medico, L'impegno di Andreotti: i colpevoli pagheranno, Ustica, è stato un missile, gli USA sicuri fin dal 1980, Ustica, polemica su De Carolis esperto USA, John Macidull, "Il giorno della strage di Ustica sparammo a due Mig libici", Strage Ustica, ex militare della Us Navy: "Quella sera abbattuti due Mig libici", Gli Usa volevano colpire me a bordo del DC-9 di Ustica, Ustica, la firma di Pertini era falsa: l’ufficiale pilota che cercava la verità sul Dc 9 venne radiato ingiustamente, I misteri di ustica - Dopo 33 anni Pinotti reintegra l'ufficiale cacciato con una firma falsa di Pertini. Pochissime erano le imprese specializzate che disponevano delle attrezzature e dell'esperienza necessarie: la scelta ricadde sulla ditta francese Ifremer (Institut français de recherche pour l'exploitation de la mer, Istituto di ricerca francese per lo sfruttamento del mare), che il giudice Rosario Priore avrebbe poi ritenuto collegata ai servizi segreti francesi[66]. L'occultamento[34][38] e la distruzione[39][40] di alcuni registri (Marsala[41], Licola[42] e Grosseto[43]) e di alcuni nastri radar (Marsala e Grosseto) che registrarono il tracciato del volo DC-9 IH870, a fronte delle prove prodotte da altri analoghi registri e nastri non occultabili e non distrutti (Fiumicino[44], Satellite russo[45]), vengono portati a sostegno di tale ipotesi[46]. Causa iscritta al n. 10354 del Ruolo Generale degli affari contenziosi civili dell'anno 2007 (recante riunita quella n. 12865/2007 RG). 81 specchi neri, posti accanto alla passerella ove transitano i visitatori (inclinati verso l’aereo, oltre che ricordare gli oblò del DC-9, riflettono il viso degli spettatori oscurandolo, ricordando la notte della tragedia). Venne coniato il termine muro di gomma, divenuto poi il termine utilizzato per descrivere il comportamento delle istituzioni nei confronti delle ricostruzioni che attribuivano la causa del disastro aereo di Ustica a un'azione militare. Poco prima Fortuna Piricò, vedova di una delle vittime della strage, aveva chiesto di «completare la verità giudiziaria che ha parlato di una guerra non dichiarata, di completarla definendo le responsabilità». Procedimento Penale Nr. Guida TV. Ordinanza-sentenza Priore, Capo 4, pag. La difesa riconobbe in seguito che la pagina del registro dell'IC, cioè del guida caccia Muti in servizio il 27 giugno, era stata effettivamente rimossa dal registro.[79]. Il Ministero dei trasporti due giorni dopo revocò all'Itavia le concessioni per l'esercizio dell'attività, su rinuncia della stessa compagnia aerea[53]. Risarcimento danni all'Itavia e ai suoi dipendenti. Nei casi che restano si dovrà approfondire [...] giacché appare sufficientemente certo che coloro che sono morti erano a conoscenza di qualcosa che non è stato mai ufficialmente rivelato e da questo peso sono rimasti schiacciati.». Gli Stati Uniti, interpellati dagli inquirenti, risposero che dopo tanti anni non era loro possibile risalire a date e matricole per stabilire se e quando il serbatoio fosse stato usato in servizio dall'Aviazione o dalla Marina degli Stati Uniti. Il 22 aprile 2020 la Corte d'Appello di Roma ha condannato il Ministero della Difesa e il Ministero dei Trasporti a risarcire alla Società di trasporto aereo Itavia 320 milioni di euro, per non aver garantito la sicurezza dei cieli. Altri procedimenti a carico di circa 80 militari del personale dell'Aeronautica si sono conclusi con condanne per vari reati, tra i quali falso e distruzione di documenti. Serie Tv Criminal Minds-Nel nome del sangue. La stessa sera del DC9, il 27 giugno 1980" (FOTO), Ustica, la verità è rimasta in fondo al mare, Ustica, perito inglese: depistaggio il missile Contesta le tesi degli altri esperti: c'è molta puzza di disinformazione "Un nesso con la strage di Bologna", Audio (registrazione di contatti radio e diverse telefonate importanti per le indagini), «*L’ultimo messaggio del pilota Domenico Gatti ai passeggeri *Penultimo contatto radio del Dc9 IH-870 con Ciampino (20.50) *Ultimo contatto radio del Dc9 IH-870 con Ciampino (20.56) *Ciampino parla con Marsala (22.16) *Soccorso Martina Franca parla con Soccorso Ciampino (ore 22.22) *Soccorso Martina Franca parla con il Cop-Stato Maggiore (22.25) *Comunicazioni SAR-Martina Franca (22.31) *Telefonata tra Ciampino e l’Ambasciata Americana di Roma (ore 22.39) *Marsala-Martina Franca (ore 23) *Licola-Martina Franca (ore 23.18)(ore 23.24)(ore 23.28) *Martina Franca-Jacotenente (ore 23.31) *Licola-Martina Franca (ore 23.32)(ore 23.35)(ore 23.44) *Licola-Marsala (ore 23.47) *Martina Franca-Licola (0re 24.22)». Le stazioni radar di Civilavia e di Centro bolognese si occupavano di registrare tutti i voli nazionali e internazionali civili, commerciali e militari, per poi procedere alla stampa e alla fatturazione dei costi di ogni passaggio aereo a ciascuna compagnia, società o autorità competente. Procedimento penale n. 527 84 a G. I., Capo 2, Cap. Collegamenti marittimi regolari oggi da e per Ustica. Tutte le volte che da parte di Comandi viene richiesta una informativa sugli avvistamenti, viene effettuata la seguente operazione consistente nella trasposizione su una cartina muta delle indicazioni sempre in gradi e distanze dell'avvistamento. Per undici anni i lavori si susseguirono, interessando i vari governi del tempo e le autorità militari. Affatigato era in quei mesi al servizio dell'intelligence francese e che, nel settembre dello stesso anno, rientrato in Italia, venne recluso nel carcere di Ferrara. La scomparsa del DA1. Ci dispiace, il tuo blog non consente di condividere articoli tramite e-mail. 1. L'aereo viene dato per disperso. A diversi decenni di distanza, vari aspetti dell'incidente non sono ancora chiariti in maniera compiuta, a partire dalla dinamica stessa.[5]. [172] Volendo fare una breve sintesi dell'enorme numero di perizie d'ufficio e consulenze di parte, oltre un centinaio al termine del 31 dicembre 1997, possiamo ricordare: L'8 maggio 2010, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione del Giorno della memoria dedicato alle vittime del terrorismo, ha chiesto la verità sulla strage di Ustica. perizie tecnico-scientifiche: necroscopiche, medico-legali, chimiche, foniche, acustiche, di trascrizione, grafiche, metallografico-frattografiche, esplosivistiche, che non sono mai state contestate da alcuna parte. - IV Divisione Esplosivi e Propellenti (Torri) del 5 ottobre 1982 (parte I, Libro I, Capo I, Titolo III, capitolo III della sentenza ordinanza del giudice istruttore), Strage di Ustica: l'ultimo volo del DC-9 Itavia precipitato nel mistero, Viewing cable 03ROME2887, USTICA CRASH BACK IN THE HEADLINES, Viewing cable 03ROME3199, USTICA CRASH BACK IN THE HEADLINES: REQUEST FOR, Ustica, Giovanardi sui giudici: Come aver condannato Tortora per droga, Giovanardi ne infila una dietro l'altra su Ustica, poi urla e lascia lo studio tv, Ustica, il giudice Priore indaga sul supersismi. Fox Crime Hd. Intorno a quella strage, Napolitano ha visto «anche forse intrighi internazionali, [...] opacità di comportamenti da parte di corpi dello Stato»[158][159]. Tra le testimonianze che datano la caduta del MiG al giorno stesso della strage di Ustica, il 27 giugno, si annovera quella dell'ex caporale Filippo Di Benedetto e alcuni suoi ex commilitoni[116]; la tesi è sostenuta dal maresciallo Giulio Linguanti e dal giudice istruttore Rosario Priore, che a sua volta trovò una serie di testimoni che riferirono di aver visto il 27 giugno 1980 due caccia che ne inseguivano un terzo, sparando con il cannoncino, lungo una rotta che da Ustica andava su Lamezia e fino a Castelsilano[120]. La causa dell'incidente viene individuata nella detonazione di una massa di esplosivo presente a bordo del velivolo[55], in ragione della rilevata presenza su alcuni reperti di tracce di T4, e dell'assenza di tracce di TNT[56]. Nel 1988, l'anno prima, durante la trasmissione Telefono giallo di Corrado Augias, con una telefonata anonima qualcuno aveva dichiarato di essere stato «un aviere in servizio a Marsala la sera dell'evento della sciagura del DC-9». I significati di tali codici, smentiti o sminuiti di importanza da esperti dell'aeronautica militare italiana ascoltati in qualità di testimoni, furono invece confermati in sede della Commissione ad hoc della NATO, da esperti dell'NPC (NATO Programming Centre)[110], i quali difatti hanno affermato nel loro rapporto del 10 marzo 1997: «Varie volte è stato dichiarato lo stato di emergenza confermata relativa alla traccia LL464/LG403 sulla base del codice SIF1 73, che all'epoca del disastro veniva usato come indicazione di emergenza. Poco tempo dopo, il 26 giugno 2010, in occasione del trentennale del disastro, il Presidente ha inviato un messaggio di cordoglio ai parenti delle vittime: «Il dolore ancora vivo per le vittime si unisce all'amara constatazione che le indagini svolte e i processi sin qui celebrati non hanno consentito di fare luce sulla dinamica del drammatico evento e di individuarne i responsabili... Occorre il contributo di tutte le istituzioni a un ulteriore sforzo per pervenire a una ricostruzione esauriente e veritiera di quanto accaduto, che rimuova le ambiguità e dipani le ombre e i dubbi accumulati in questi anni.»[160]. Rai Archivio Film, Nizza Città Vecchia Mappa, Studiare Architettura Online, Mercato Estivo 2020 Date, Sognare Una Cifra Di Denaro, Europei Under 21 Italia Rosa, Un Desiderio Irrealizzabile, Tracce Prova Scritta Concorso Collaboratore Amministrativo B3, Amministrazione Finanza E Marketing Programmi Ministeriali 2019/2020, Ave Maria Di Lourdes Testo, Film Azione Netflix, Rafting Italia Centrale, Il Gatto E La Volpe, Rosolini Menù, " />
 

Blog

sangue su sangue ustica

Essa si interrompe tagliando l'ultima parola, che per anni si ipotizzò fosse un «Guarda!». Ispezione Dc 9 Itavia - Pratica di mare, 21 luglio 1993" (21 luglio 1993), primo scontro aereo sul golfo della Sirte, Commissione stragi, X legislatura, Resoconto stenografico della Seduta n. 40 del 23 novembre 1989, https://www.stragi80.it/documenti/gi/capo3-inquina.pdf, Ustica: l'ipotesi dello scenario inventato, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Strage_di_Ustica&oldid=117392885, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, Abbattimento da parte di aereo non identificato in scenario di guerra aerea (secondo il governo italiano), Alle 20:08 del 27 giugno 1980 il DC-9 I-TIGI decolla per il volo IH870, Alle 21:04, chiamato per l'autorizzazione di inizio discesa su, Alle 21:25 il Comando del soccorso aereo di. Le indagini si conclusero il 31 agosto 1999, con l'ordinanza di rinvio a giudizio-sentenza istruttoria di proscioglimento, rispettivamente, nei procedimenti penali nº 527/84 e nº 266/90, un documento di dimensioni notevoli che, dopo anni di indagini, la quasi totale ricostruzione del relitto, notevole impiego di fondi, uomini e mezzi, escluse le ipotesi di una bomba a bordo[152] e di un cedimento strutturale[153], circoscrivendo di conseguenza le cause della sciagura a un evento esterno al DC-9[154]. Lo smartphone è quindi in grado di interpretare i risultati analizzando interferenze nel campo elettrico sulla superficie dello schermo del … Il 28 gennaio 2013 la Corte di Cassazione, nel respingere i ricorsi dell'avvocatura dello Stato ha confermato la precedente condanna, condividendo che il DC-9 Itavia fosse caduto non per un'esplosione interna, bensì a causa di un missile o di una collisione con un aereo militare, essendosi trovato nel mezzo di una vera e propria azione di guerra[166]. Napoli, 16 dicembre 2020 - Non si è rinnovato il miracolo della liquefazione del sangue di San Gennaro. 4283 e successive. [67] Le difficoltà tecniche, i problemi di finanziamento e le resistenze esercitate da varie delle parti interessate contribuirono a rimandare il recupero per molti anni. Raccolta di sangue Dimensioni del mercato, analisi della quota 2020 e ricerche approfondite su dinamiche di mercato, tendenze, fattori di crescita emergenti e previsioni fino al 2024 Posted By Bethany Hill on December 18, 2020 Il divieto di donare il sangue per omosessuali e bisessuali era stato istituito negli anni '80 durante l'epidemia di HIV. Il 10 dicembre 1980 Itavia interruppe l'attività, mentre ai dipendenti non veniva più corrisposto lo stipendio. Nell'aprile del 1993 il generale Jurij Salimov, in forza ai servizi segreti russi, affermò di aver seguito i fatti di Ustica attraverso un radar russo basato in Libia che, con l'ausilio di un satellite, era in grado di monitorare il mar Tirreno meridionale[45][93][94]. Procedimento penale n. 527 84 A G. I, Capitolo LXV, pag. Tesi analoga è alla base della conferma, da parte della Cassazione, della sentenza di condanna civile al risarcimento ai familiari delle vittime, irrogata contro i Ministeri di Trasporti e Difesa dal tribunale di Palermo[11]. Da testimonianze risulta che se il disastro avesse avuto cause chiare (difetto strutturale o bomba) non sarebbe stato necessario occultare e distruggere prove di primaria importanza sul volo, come è stato stabilito dalle conclusioni della sentenza nel Procedimento Penale Nr. 4670 e seguenti. Sarà lanciato anche il progetto DONA E FAI DONARE per promuovere donazione di sangue e organi. Ustica e Ramstein: «Non fu errore umano. Tutte le informazioni su Delitti in paradiso-Nozze di sangue in onda su Rai Premium. Casimiro su Ustica dall’album dei ricordi anni ’60 – al seggio elettorale, chi sono? "Non viene di norma eiettato se non in condizioni di emergenza": Ordinanza-sentenza Priore, Titolo II, Capitolo XIX -, Strage di Ustica, un documentario svela le bugie di Stato dei francesi, «Appare evidente che quei finestrini integri sono la prova più consistente che la strage di Ustica è stata causata da un missile con piccola carica esplosiva (fino a 10 chilogrammi), come avevano stabilito i periti Imbimbo, Migliaccio e Lecce nella prima maxiperizia». Si notino i due echi senza identificazione sulla sinistra: secondo alcuni periti si tratta della traccia di un aereo, secondo altri di falsi plot, errori del radar. Sandlin dichiara, senza elementi, che quella sera la portaerei era al largo, che oltre metà dei caccia era decollato per una prova di forza con la Libia e che due di questi erano rientrati senza armamenti perché avevano sostenuto uno scontro con due MiG libici e li avevano abbattuti. Quando il sangue entra all’interno del film plastico attraverso un’azione capillare, il dispositivo è in grado di rilevare una molecola presente nel sangue che inizia a coagulare. La numerazione delle pagine non aveva invece interruzioni ed era quindi posteriore al taglio. Procedimento penale n. 527/84 a G. I.; Titolo 2, pagg. La ricerca tossicologica dell'ossido di carbonio e dell'acido cianidrico (residui da combustione) fu negativa sia nel sangue che nei polmoni. Secondo altre fonti, la Saratoga non si trovava affatto in rada a Napoli il 27 giugno 1980[88]. "Entrambi marescialli controllori di sala operativa in centro radar. Le conclusioni del giudice di Palermo escludono che una bomba fosse esplosa a bordo del DC-9, affermando bensì che l'aereo civile fosse stato abbattuto durante una vera e propria azione di guerra, dipanatasi senza che nessuno degli enti controllori preposti intervenisse. Conoscere il livello di ossigeno presente nel sangue può aiutarti a comprendere meglio il tuo stato di salute e benessere generale. In entrambi i casi, Bologna era la città in cui avrebbero colpito i NAR ma per tutti e due i casi Giuseppe Valerio Fioravanti e Francesca Mambro, ai vertici del gruppo terrorista, smentirono un coinvolgimento dell'organizzazione negli eventi, come la smentì il colonnello Amos Spiazzi dopo aver conosciuto in carcere Marco Affatigato. Tutte le informazioni su L'ispettore Barnaby-Scritto nel sangue in onda su Giallo 4672. Strage di Ustica: le storie, i misteri, i depistaggi, il processo, Uccidete Gheddafi. 1399 e ss. A gennaio 2016 un’inchiesta del canale televisivo francese Canal+ addebitò la responsabilità dell'abbattimento dell'aereo Itavia ad alcuni caccia francesi impegnati in un'operazione militare sul mar Tirreno: secondo la ricostruzione proposta, un velivolo estraneo si sarebbe nascosto ai radar volando sotto il DC-9, non riuscendo però a evitare l'intercettazione da parte dei suddetti caccia francesi, che nel tentativo di attaccarlo avrebbero inizialmente colpito per errore l'I-TIGI. Il giorno dopo il disastro, alle 14:15, una telefonata al Corriere della Sera annunciò a nome dei Nuclei Armati Rivoluzionari, un gruppo terrorista neofascista, la presenza a bordo dell'aereo di un loro "camerata" tal Marco Affatigato (imbarcato sotto falso nome), membro dei NAR il quale "doveva compiere una missione a Palermo"[121]. La strage di Ustica fu un incidente aereo, avvenuto alle 20:59 del 27 giugno 1980 sopra il braccio di mare compreso tra le isole italiane di Ponza e Ustica. I registri radar della Saratoga sono andati persi[87]. Il contenuto è disponibile in base alla licenza, Il serbatoio esterno di un aereo militare, Aeroporto di Grosseto e centro radar di Poggio Ballone, Due aerei militari italiani danno l'allarme, I nastri telefonici e le testimonianze in aula, Le morti sospette secondo l'inchiesta Priore, La firma falsa del presidente della Repubblica, Il processo in Corte di Assise sui presunti depistaggi, Il processo in Corte di Assise d'Appello, sui depistaggi, Il ricorso in Cassazione (procedimento penale), Le dichiarazioni di Cossiga: ipotesi francese e nuova inchiesta, Perizie d'ufficio e consulenze tecniche di parte, Il Memorandum e le intercettazioni di Massimo Carminati, Condanna in sede civile dei ministeri della difesa e dei trasporti. Interrogato a questo proposito, il sergente Muti, l'IC in servizio quella sera a Marsala non fornì alcuna spiegazione («Non so cosa dirle»). Per non rubare la scena a De Luca. La perizia dell'Aeronautica Militare venne seguita da una controperizia dell'accusa[57]. Affatigato, però, sconfessò rapidamente la telefonata: per rassicurare la madre chiese alle Digos di Palermo e di Lucca di smentire la notizia della sua presenza a bordo dell'aereo precipitato. Inoltre, benché molti di questi fatti, se presi singolarmente, appaiano in relazione diretta con la caduta del DC-9, si è notata da alcuni la coincidenza temporale dell'allarme degli F-104 italiani su Firenze, al momento del passaggio del DC-9, dell'esistenza di tracce radar non programmate che transitano a oltre 600 nodi in prossimità dell'aereo civile, della pluritestimonianza dell'inseguimento tra aerei da caccia sulla costa calabra[107] e, infine, delle attività di ricerca, in una zona a 20 miglia a est del punto di caduta, effettuate da velivoli non appartenenti al Soccorso aereo Italiano. San Gennaro non ha sciolto il sangue. Per Formica, il generale Rana - nel frattempo morto per tumore - era «un compagno, un amico» nel quale aveva piena fiducia[179]. L’uomo che è ad un tempo intelligente e pigro è idoneo alla più alta funzione di comando: ha il temperamento ed il sangue freddo indispensabili per far fronte a tutte le circostanze. Al suo livello dovrebbe essere di circa 100-120, IH870: «Eh sì, in effetti sì, abbiamo fatto qualche calcolo, dovrebbe essere qualcosa del genere.», Roma: «Ecco, non lo so, se vuole continuare con questa prua altrimenti accosti a destra anche un 15-20, IH870: «È la 870, è possibile avere un 250 di, Roma: «Sì, affermativo. Citiamo: «[...] Tutti, quelli che dovevano provvedere, erano a conoscenza di queste penetrazioni; nessuno se ne curava; non pochi ne lucravano in giochi di potere e denaro. I nastri con le registrazioni dei voli, decrittati e stampati, furono acquisiti dal giudice istruttore[92]. «L'inchiesta», si legge nel documento, «è stata ostacolata da reticenze e false testimonianze, sia nell'ambito dell'aeronautica militare italiana sia della NATO, le quali hanno avuto l'effetto di inquinare o nascondere informazioni su quanto accaduto»[155]. sfida a canestro tra...→ #Avis-Amia [22] Dopo 40 anni, alcune inchieste giornalistiche del Corriere della Sera hanno mostrato per la prima volta i volti e tutte le storie. Il radar dell'Aeroporto di Roma-Fiumicino registrò il volo del DC-9 Itavia del 27 giugno 1980 nel lasso di tempo intercorso tra le ore 20:58 e le 21:02[44]. Sentenza 1871/2013 III sezione civile della corte suprema di Cassazione, Strage di Ustica, dalla tragedia ai processi: un mistero lungo 38 anni. Dopo cinque mesi, infatti, venne presentata una secca ed essenziale ricostruzione da parte dei due esperti Rana e Macidull, che affermavano con certezza che si era di fronte a un abbattimento causato da un missile. But opting out of some of these cookies may affect your browsing experience. Ciò metterebbe sotto accusa l'aeronautica di essere stata incapace di difendere il cielo italiano da attacchi stranieri. Tuttavia il decreto non era stato firmato veramente dal presidente della Repubblica Sandro Pertini, ma da un soggetto esterno che ha falsificato la sua firma[150]. Sono state essenzialmente 4: Stassi, Albano, Magazzù, La Franca, Cantoro, riguardanti le autopsie dei cadaveri ritrovati, durata anni, non s'è mai pienamente conclusa; Blasi, riguardante il missile militare che ha colpito l'aereo civile, durata molti anni, è sfociata in spaccature profondissime e mai risolte; Misiti, riguardante l'ipotesi bomba, durata più anni, è stata rigettata dal magistrato perché affetta da tali e tanti vizi di carattere logico, da molteplici contraddizioni e distorsioni del materiale probatorio da renderlo inutilizzabile ai fini della ricostruzione della verità; Casarosa, Dalle Mese, Held, concernente la caduta del MiG-23. Vi fu coinvolto il volo di linea IH870, partito dall'aeroporto di Bologna-Borgo Panigale e diretto all'aeroporto di Palermo-Punta Raisi, operato dall'aeromobile Douglas DC-9 della compagnia aerea Itavia. Nel 1987 il ministro del Tesoro Giuliano Amato stanziò i fondi per il recupero del relitto del DC-9, che giaceva in fondo al mar Tirreno. Nel capitolo 13.5 viene evidenziato l’impatto del COVID-19 sullo sviluppo futuro del settore. Il processo sulle cause e sugli autori della strage in realtà non si è mai tenuto in quanto l'istruttoria relativa definì "ignoti gli autori della strage" e concluse con un non luogo a procedere nel 1999. Gli altri casi presi in esame dall'inchiesta, sono: Alla luce di queste anomalie inspiegate[139] e delle risposte, da parte del personale dei due siti radar di Marsala e Licola, ritenute insoddisfacenti[140], il 28 giugno 1989 il giudice Bucarelli accolse la richiesta del procuratore Santacroce e rinviò a giudizio per falsa testimonianza aggravata e concorso in favoreggiamento personale aggravato, ventitré tra ufficiali e avieri in servizio il giorno del disastro[141][142]. della sentenza ordinanza del giudice istruttore) rileva la presenza chiara e inequivocabile sia di T4 sia di TNT (sempre nel frammento dello schienale nº 2 rosso), miscela la cui presenza è tipica degli ordigni esplosivi[56][59]. «Ustica, un missile sull’aereo. Le spiegazioni fornite dagli interessati durante deposizioni e interrogatori contrastano comunque con il contenuto delle registrazioni o con precedenti deposizioni. Conversazioni telefoniche da e per Ciampino. Diversi elementi portarono gli inquirenti a indagare sull'eventuale presenza di altri aerei coinvolti nel disastro.Si determinarono con certezza alcuni punti: Successivamente, all'inizio dell'agosto 1980, oltre a vari relitti furono ritrovati in mare anche due salvagenti e un casco di volo della marina americana; a settembre, presso Messina, si rinvennero frammenti di aerei bersaglio italiani, che sembrano però risalenti a esercitazioni terminate nel gennaio dello stesso anno. Sentenza-ordinanza, Conclusioni sulle perizie, Capitolo II, pag. Vi è quindi chi ipotizza un depistaggio nel depistaggio, ovvero che la strage di Bologna sia servita ad avvalorare la tesi della bomba dei NAR collocata all'interno dell'aereo. Luzzatti, dopo aver presentato due relazioni preliminari, decise per l'autoscioglimento nel 1982 a causa di insanabili contrasti di attribuzioni con la magistratura. Tale aereo, secondo Macidull, attraversava la zona dell'incidente da Ovest verso Est ad alta velocità, tra 300 e 550 nodi, nello stesso momento in cui si verificava l'incidente al DC-9, ma senza entrare in collisione[50][146]. Carminati e i suoi ricordi da criminale. Peraltro non era mai risultato, nel corso della pluriennale istruttoria, alcun elemento di fatto in tal senso. Ustica, donatori di sangue in attesa. We also use third-party cookies that help us analyze and understand how you use this website. 2.3. [89][90], D'altronde già durante l'istruttoria Priore la posizione della Saratoga fu ampiamente ricostruita e confermata essere incontrovertibilmente in porto a Napoli.[91]. Mantenga 195, andrà un po' più giù di Ponza di qualche, Roma: «E comunque 195 potrà mantenerlo, io penso, ancora un 20 miglia, non di più perché c'è molto vento da ovest. Von Moltke In seguito alla spiata del SISMI, l'aereo che trasportava Gheddafi, arrivato su Malta, tornò indietro, mentre altri aerei libici proseguivano la rotta[144]. 266/90A P.M. E 527/84A G.I. 1431-1435. 16/12. L'artista Christian Boltanski ha creato intorno alla carcassa una installazione su misura, composta da: Dietro ciascuno specchio è posizionato un altoparlante che diffonde un semplice pensiero/preoccupazione, volendo rappresentare ciascuno dei passeggeri del velivolo (le voci sono attentamente scelte in base all’età, provenienza e alle caratteristiche fisiche delle vittime). Circa un mese dopo ci fu la strage di Bologna. Ultime notizie > sangue_purtroppo_giovani. Aldo Davanzali, anche se formalmente non per motivi direttamente correlati alla sciagura, perse la compagnia aerea Itavia, che cessò di volare e fu posta in amministrazione controllata nel 1980, con i conti in rosso, previa revoca della licenza di operatore aereo: un migliaio di dipendenti restarono senza lavoro. In ogni caso la presenza di altri aerei deducibile dai tracciati radar non raggiunge in alcuna analisi il valore di certezza e quindi di prova. Anche in occasione del trentunesimo anniversario della strage, il 27 giugno 2011, il presidente Napolitano ha lanciato un appello perché si compia ogni sforzo, anche internazionale, per dare risposte risolutive.[161]. I generali Lamberto Bartolucci e Franco Ferri furono invece ritenuti colpevoli ma, essendo ormai passati più di 15 anni, il reato era già caduto in prescrizione. Any cookies that may not be particularly necessary for the website to function and is used specifically to collect user personal data via analytics, ads, other embedded contents are termed as non-necessary cookies. Seguici su Facebook, basta un MI PIACE Dati CORONAVIRUS di oggi. [15], Le vittime del disastro furono ottantuno, di cui tredici bambini, ma furono ritrovate e recuperate solo trentanove salme. Dal punto di vista penale, altresì, i procedimenti per alto tradimento a carico di quattro esponenti dei vertici militari italiani si sono conclusi con l'assoluzione degli imputati. A ventotto anni dalla strage, la procura di Roma ha deciso di riaprire una nuova inchiesta a seguito delle dichiarazioni rilasciate nel febbraio 2007 da Francesco Cossiga. E così ne restano soffocati. Leggermente spostato sulla destra, diciamo 4 miglia e comunque il, IH870: «115 miglia per Papa-Alfa... per Papa-Romeo-Sierra, scusate. In zona era presente anche la portaerei francese Clemenceau per lo stesso motivo. Durante le indagini si appurò che il registro dell'IC, cioè del guida caccia Muti del sito radar di Marsala, aveva una pagina strappata nel giorno della perdita del DC-9[41]. 2917. Ustica, torna l'ipotesi del depistaggio che porta alla all'incidente di Ramstein. Mancano tuttora, del resto, elementi per individuare i responsabili. Dopo 272 udienze e dopo aver ascoltato migliaia tra testimoni, consulenti e periti, il 30 aprile 2004, la corte assolse dall'imputazione di alto tradimento - per aver gli imputati turbato (e non impedito) le funzioni di governo - i generali Corrado Melillo e Zeno Tascio "per non aver commesso il fatto". Il 25 novembre 1980, John Macidull, un esperto americano del National Transportation Safety Board, analizzò il tracciato radar dell'aeroporto di Fiumicino e si convinse che, al momento del disastro, accanto al DC-9 volava un altro aereo. Sentenza-ordinanza, Conclusioni sulle perizie, Capitolo I, pag. 81 lampade flebilmente pulsanti sospese sui resti dell'aereo (a metafora dei cuori delle vittime che battono ancora). Procedimento penale n. 527/84 a G. I., Volume 6, Capitolo XVII. Varie ipotesi sono state formulate nel corso degli anni riguardo alla natura, alla dinamica e alle cause dell'incidente: una delle più battute, e pertanto accettata con valenza in sede penale e risarcitoria, riguarda un coinvolgimento internazionale, in particolare francese, libico e statunitense, con il DC-9 che si sarebbe trovato sulla linea di fuoco di un combattimento aereo, venendo infine bersagliato per errore da un missile (sparato nello specifico da un caccia NATO contro un MiG dell'aviazione dello stato nordafricano)[6][7][8]. Mantenga 290 e richiamerà 13 Alfa.», IH870: «Sì, senta: neanche Ponza funziona?», IH870: «Abbiamo trovato un cimitero stasera venendo... da Firenze in poi praticamente non ne abbiamo trovata una funzionante.», Roma: «Eh sì, in effetti è un po' tutto fuori, compreso Ponza. 4944: «Esclusa – attraverso l'esame critico di cento e oltre documenti tecnici elaborati con intelligenza e vigore polemico da una schiera tra le migliori di specialisti nelle varie dottrine che son servite – con più che sufficiente certezza qualsiasi altra causa di caduta del velivolo – dall'improvviso cedimento strutturale all'altrettanto improvviso cedimento psichico dei piloti, dall'esplosione interna alla precipitazione di meteoriti o altre similari, parti di fantasie tanto fervide quanto inquinanti - resta il contesto esterno» e pag. Ordinanza-sentenza Priore, Sottotitolo 2, pag. Il 2 settembre 2014 sono stati rivelati gli appunti segreti, le informative e i carteggi segreti del Ministero degli Affari Esteri, contenuti nel Memorandum che ha per oggetto la strage di Ustica in relazione alle questioni informative aperte con gli Stati Uniti[162]. Il DC-9 è diretto a sud e vi è un vento a circa 200 km/h verso sud-est. sarebbe entrato in collisione (o in semicollisione) con un aereo militare; sarebbe precipitato a causa di un cedimento strutturale; sarebbe precipitato in seguito all'esplosione di una, Furono inoltre accertate in quel periodo penetrazioni dello spazio aereo italiano da parte di aerei militari libici. Aereo caduto nel '92, riaperta l'indagine uno dei due morti era testimone Ustica, "La morte di mio zio Roberto resta avvolta nel mistero", Ustica, altra morte sospetta suicida ex ufficiale medico, L'impegno di Andreotti: i colpevoli pagheranno, Ustica, è stato un missile, gli USA sicuri fin dal 1980, Ustica, polemica su De Carolis esperto USA, John Macidull, "Il giorno della strage di Ustica sparammo a due Mig libici", Strage Ustica, ex militare della Us Navy: "Quella sera abbattuti due Mig libici", Gli Usa volevano colpire me a bordo del DC-9 di Ustica, Ustica, la firma di Pertini era falsa: l’ufficiale pilota che cercava la verità sul Dc 9 venne radiato ingiustamente, I misteri di ustica - Dopo 33 anni Pinotti reintegra l'ufficiale cacciato con una firma falsa di Pertini. Pochissime erano le imprese specializzate che disponevano delle attrezzature e dell'esperienza necessarie: la scelta ricadde sulla ditta francese Ifremer (Institut français de recherche pour l'exploitation de la mer, Istituto di ricerca francese per lo sfruttamento del mare), che il giudice Rosario Priore avrebbe poi ritenuto collegata ai servizi segreti francesi[66]. L'occultamento[34][38] e la distruzione[39][40] di alcuni registri (Marsala[41], Licola[42] e Grosseto[43]) e di alcuni nastri radar (Marsala e Grosseto) che registrarono il tracciato del volo DC-9 IH870, a fronte delle prove prodotte da altri analoghi registri e nastri non occultabili e non distrutti (Fiumicino[44], Satellite russo[45]), vengono portati a sostegno di tale ipotesi[46]. Causa iscritta al n. 10354 del Ruolo Generale degli affari contenziosi civili dell'anno 2007 (recante riunita quella n. 12865/2007 RG). 81 specchi neri, posti accanto alla passerella ove transitano i visitatori (inclinati verso l’aereo, oltre che ricordare gli oblò del DC-9, riflettono il viso degli spettatori oscurandolo, ricordando la notte della tragedia). Venne coniato il termine muro di gomma, divenuto poi il termine utilizzato per descrivere il comportamento delle istituzioni nei confronti delle ricostruzioni che attribuivano la causa del disastro aereo di Ustica a un'azione militare. Poco prima Fortuna Piricò, vedova di una delle vittime della strage, aveva chiesto di «completare la verità giudiziaria che ha parlato di una guerra non dichiarata, di completarla definendo le responsabilità». Procedimento Penale Nr. Guida TV. Ordinanza-sentenza Priore, Capo 4, pag. La difesa riconobbe in seguito che la pagina del registro dell'IC, cioè del guida caccia Muti in servizio il 27 giugno, era stata effettivamente rimossa dal registro.[79]. Il Ministero dei trasporti due giorni dopo revocò all'Itavia le concessioni per l'esercizio dell'attività, su rinuncia della stessa compagnia aerea[53]. Risarcimento danni all'Itavia e ai suoi dipendenti. Nei casi che restano si dovrà approfondire [...] giacché appare sufficientemente certo che coloro che sono morti erano a conoscenza di qualcosa che non è stato mai ufficialmente rivelato e da questo peso sono rimasti schiacciati.». Gli Stati Uniti, interpellati dagli inquirenti, risposero che dopo tanti anni non era loro possibile risalire a date e matricole per stabilire se e quando il serbatoio fosse stato usato in servizio dall'Aviazione o dalla Marina degli Stati Uniti. Il 22 aprile 2020 la Corte d'Appello di Roma ha condannato il Ministero della Difesa e il Ministero dei Trasporti a risarcire alla Società di trasporto aereo Itavia 320 milioni di euro, per non aver garantito la sicurezza dei cieli. Altri procedimenti a carico di circa 80 militari del personale dell'Aeronautica si sono conclusi con condanne per vari reati, tra i quali falso e distruzione di documenti. Serie Tv Criminal Minds-Nel nome del sangue. La stessa sera del DC9, il 27 giugno 1980" (FOTO), Ustica, la verità è rimasta in fondo al mare, Ustica, perito inglese: depistaggio il missile Contesta le tesi degli altri esperti: c'è molta puzza di disinformazione "Un nesso con la strage di Bologna", Audio (registrazione di contatti radio e diverse telefonate importanti per le indagini), «*L’ultimo messaggio del pilota Domenico Gatti ai passeggeri *Penultimo contatto radio del Dc9 IH-870 con Ciampino (20.50) *Ultimo contatto radio del Dc9 IH-870 con Ciampino (20.56) *Ciampino parla con Marsala (22.16) *Soccorso Martina Franca parla con Soccorso Ciampino (ore 22.22) *Soccorso Martina Franca parla con il Cop-Stato Maggiore (22.25) *Comunicazioni SAR-Martina Franca (22.31) *Telefonata tra Ciampino e l’Ambasciata Americana di Roma (ore 22.39) *Marsala-Martina Franca (ore 23) *Licola-Martina Franca (ore 23.18)(ore 23.24)(ore 23.28) *Martina Franca-Jacotenente (ore 23.31) *Licola-Martina Franca (ore 23.32)(ore 23.35)(ore 23.44) *Licola-Marsala (ore 23.47) *Martina Franca-Licola (0re 24.22)». Le stazioni radar di Civilavia e di Centro bolognese si occupavano di registrare tutti i voli nazionali e internazionali civili, commerciali e militari, per poi procedere alla stampa e alla fatturazione dei costi di ogni passaggio aereo a ciascuna compagnia, società o autorità competente. Procedimento penale n. 527 84 a G. I., Capo 2, Cap. Collegamenti marittimi regolari oggi da e per Ustica. Tutte le volte che da parte di Comandi viene richiesta una informativa sugli avvistamenti, viene effettuata la seguente operazione consistente nella trasposizione su una cartina muta delle indicazioni sempre in gradi e distanze dell'avvistamento. Per undici anni i lavori si susseguirono, interessando i vari governi del tempo e le autorità militari. Affatigato era in quei mesi al servizio dell'intelligence francese e che, nel settembre dello stesso anno, rientrato in Italia, venne recluso nel carcere di Ferrara. La scomparsa del DA1. Ci dispiace, il tuo blog non consente di condividere articoli tramite e-mail. 1. L'aereo viene dato per disperso. A diversi decenni di distanza, vari aspetti dell'incidente non sono ancora chiariti in maniera compiuta, a partire dalla dinamica stessa.[5]. [172] Volendo fare una breve sintesi dell'enorme numero di perizie d'ufficio e consulenze di parte, oltre un centinaio al termine del 31 dicembre 1997, possiamo ricordare: L'8 maggio 2010, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione del Giorno della memoria dedicato alle vittime del terrorismo, ha chiesto la verità sulla strage di Ustica. perizie tecnico-scientifiche: necroscopiche, medico-legali, chimiche, foniche, acustiche, di trascrizione, grafiche, metallografico-frattografiche, esplosivistiche, che non sono mai state contestate da alcuna parte. - IV Divisione Esplosivi e Propellenti (Torri) del 5 ottobre 1982 (parte I, Libro I, Capo I, Titolo III, capitolo III della sentenza ordinanza del giudice istruttore), Strage di Ustica: l'ultimo volo del DC-9 Itavia precipitato nel mistero, Viewing cable 03ROME2887, USTICA CRASH BACK IN THE HEADLINES, Viewing cable 03ROME3199, USTICA CRASH BACK IN THE HEADLINES: REQUEST FOR, Ustica, Giovanardi sui giudici: Come aver condannato Tortora per droga, Giovanardi ne infila una dietro l'altra su Ustica, poi urla e lascia lo studio tv, Ustica, il giudice Priore indaga sul supersismi. Fox Crime Hd. Intorno a quella strage, Napolitano ha visto «anche forse intrighi internazionali, [...] opacità di comportamenti da parte di corpi dello Stato»[158][159]. Tra le testimonianze che datano la caduta del MiG al giorno stesso della strage di Ustica, il 27 giugno, si annovera quella dell'ex caporale Filippo Di Benedetto e alcuni suoi ex commilitoni[116]; la tesi è sostenuta dal maresciallo Giulio Linguanti e dal giudice istruttore Rosario Priore, che a sua volta trovò una serie di testimoni che riferirono di aver visto il 27 giugno 1980 due caccia che ne inseguivano un terzo, sparando con il cannoncino, lungo una rotta che da Ustica andava su Lamezia e fino a Castelsilano[120]. La causa dell'incidente viene individuata nella detonazione di una massa di esplosivo presente a bordo del velivolo[55], in ragione della rilevata presenza su alcuni reperti di tracce di T4, e dell'assenza di tracce di TNT[56]. Nel 1988, l'anno prima, durante la trasmissione Telefono giallo di Corrado Augias, con una telefonata anonima qualcuno aveva dichiarato di essere stato «un aviere in servizio a Marsala la sera dell'evento della sciagura del DC-9». I significati di tali codici, smentiti o sminuiti di importanza da esperti dell'aeronautica militare italiana ascoltati in qualità di testimoni, furono invece confermati in sede della Commissione ad hoc della NATO, da esperti dell'NPC (NATO Programming Centre)[110], i quali difatti hanno affermato nel loro rapporto del 10 marzo 1997: «Varie volte è stato dichiarato lo stato di emergenza confermata relativa alla traccia LL464/LG403 sulla base del codice SIF1 73, che all'epoca del disastro veniva usato come indicazione di emergenza. Poco tempo dopo, il 26 giugno 2010, in occasione del trentennale del disastro, il Presidente ha inviato un messaggio di cordoglio ai parenti delle vittime: «Il dolore ancora vivo per le vittime si unisce all'amara constatazione che le indagini svolte e i processi sin qui celebrati non hanno consentito di fare luce sulla dinamica del drammatico evento e di individuarne i responsabili... Occorre il contributo di tutte le istituzioni a un ulteriore sforzo per pervenire a una ricostruzione esauriente e veritiera di quanto accaduto, che rimuova le ambiguità e dipani le ombre e i dubbi accumulati in questi anni.»[160].

Rai Archivio Film, Nizza Città Vecchia Mappa, Studiare Architettura Online, Mercato Estivo 2020 Date, Sognare Una Cifra Di Denaro, Europei Under 21 Italia Rosa, Un Desiderio Irrealizzabile, Tracce Prova Scritta Concorso Collaboratore Amministrativo B3, Amministrazione Finanza E Marketing Programmi Ministeriali 2019/2020, Ave Maria Di Lourdes Testo, Film Azione Netflix, Rafting Italia Centrale, Il Gatto E La Volpe, Rosolini Menù,

Leave a Comment